1. Home
  2. CDLS
  3. News
  4. Archivio News
  5. Più chiarezza sulla riforma PA

Più chiarezza sulla riforma PA

1
0

Riunita a Fiorentino l’assemblea di tutti i rappresentanti sindacali. Chiesta con forza la dotazione organica minima.

San Marino, 20 settembre 2004

Il confronto sulla riforma può andare avanti solo con la presentazione della Dotazione organica minima in tempi stretti. E’ forte e chiaro il messaggio dell’assemblea di tutti i rappresentanti sindacali del settore pubblico riunita lunedì 20 settembre al Centro Sociale di Fiorentino.

Messaggio che arriva alla vigilia dell’incontro tra le Federazioni del Pubblico Impiego della CSU e la delegazione del governo in agenda appunto domani, martedì 21 settembre.

In primo piano resta la mancata consegna della dotazione organica minima, documento ritenuto indispensabile per non rompere la trattativa.

Sindacato e dipendenti pubblici hanno così ribadito la necessità di conoscere entro poche settimane l’obiettivo istituzionale degli uffici/servizi dell’Amministrazione Pubblica e la dotazione organica minima per garantire un buon livello di qualità dei servizi.
Rifiutano la proposta della Delegazione di Governo di voler cambiare impostazione al confronto, partendo dalle “posizioni critiche“, che invece il sindacato ha deciso di congelare. Le posizioni critiche, cioè i ruoli senza i quali il servizio non garantirebbe la sua funzione, devono essere infatti affrontate dopo la Dotazione organica minima, mentre la strada scelta dal governo non permetterebbe di centrare gli obiettivi reali di riforma.

Con la presentazione della Dotazione organica minima si potranno quindi affrontare i punti del protocollo d’intesa, ovvero lo strumento di lavoro che detta i tempi e fissa gli impegni della riforma pubblica.

Una proposta di protocollo d’intesa, più volte rivendicata dal sindacato, il governo l’ha presentata lo scorso 8 settembre, ed è stata giudicata dall’assemblea dei rappresentati sindacali carente in quanto non inserisce in un contesto organico argomenti basilari quali le norme sul precariato, le decorrenze sulla nuova organizzazione, e addirittura mancano altri punti importanti come le modalità di carriera.

(Visited 1 times, 1 visits today)