1. Home
  2. CDLS
  3. News
  4. Archivio News
  5. Sul Titano non si ferma la corsa dei prezzi

Sul Titano non si ferma la corsa dei prezzi

3
0
Nel primo trimestre 2004 registrati rincari dell’1,69%. Ma qual è l’inflazione percepita dai sammarinesi?

San Marino, 28 maggio 2004

Anche nel primo trimestre del 2004 l’inflazione sammarinese ha continuato a correre. Più cari soprattutto alimentari, salute e cultura. Ma qual è l’inflazione percepita dalle famiglie sammarinesi?

I dati sono pubblicati nel Bollettino di Statistica curato dall’Ufficio Programmazione Economica. L’indice generale dei prezzi al consumo a San Marino nel marzo del 2004 è risultato pari a 102,74, segnando così una variazione rispetto al marzo del 2003 del più 1,69%. I settori più colpiti quelli dei generi alimentari, dei servizi sanitari e della cultura e spettacolo.

Cifre che non sorprendono.
“Quali sono le politiche di contenimento dell’inflazione?”, si domanda infatti il segretario della CDLS, Marco Beccari. “Con il passaggio dalla lira all’euro la lotta al carovita è diventata un punto qualificante del nostro impegno sindacale, perché non c’è dubbio che i rincari rappresentano una seria minaccia al potere d’acquisto dei lavoratori dipendenti. Nel 2001 – continua Beccari – la Confederazione Democratica ha messo la firma su un importante accordo che ha bloccato le tariffe di luce, gas e rette degli asili nido, ma da allora non sono stati fatti altri passi in avanti. Eppure la strada maestra per combattere le infiammate inflazionistiche resta quella di tornare al tavolo della concertazione per discutere a tutto campo di stipendi, salari, tariffe e prezzi”.

Il responsabile dell’Associazione Consumatori della CDLS, Gianluigi Giardinieri, avverte che i dati del Bollettino di Statistica non bastano per capire le esatte dimensioni del fenomeno. Secondo Giardinieri alle cifre “vere” dell’inflazione fotografate dell’Ufficio Programmazione Economica, va aggiunto l’aumento dei prezzi “percepito” dai cittadini.
Secondo un recentissimo sondaggio dell’istituto ricerche Swg effettuato su un ampio campione di famiglie italiane l’inflazione percepita è in media 6 punti oltre le cifre ufficiali registrate dall’ISTAT.
“Non credo sia azzardato – afferma il responsabile ASDICO – pensare che anche sul Titano si inneschi la stessa dinamica, ovvero che anche le casalinghe, i pensionati e gli operai sammarinesi siano convinti che l’aumento dei prezzi sia più alto di quello dichiarato dalla fonti statistiche”.
Dunque? Se all’inflazione ufficiale aggiungiamo i 6 punti in più dell’inflazione percepita, per i consumatori sammarinesi i prezzi del primo trimestre 2004 hanno galoppato sopra il 7%.

 
(Visited 3 times, 1 visits today)