1. Home
  2. CDLS
  3. News
  4. Archivio News
  5. Terapia semintensiva, soluzione rimandata

Terapia semintensiva, soluzione rimandata

2
0
Il governo ha bocciato le proposte di potenziamento del reparto sollecitate dal sindacato. Il 15 marzo nuovo incontro sul contratto privatistico.

San Marino, 10 marzo 2004

Il Congresso di Stato ha bocciato le due proposte presentate dalla Segreteria di Stato per la Sanità, e concordate con le Federazioni del Pubblico Impiego, per potenziare la terapia semintensiva.

Proposte che prevedono la presenza sistematica, in questo servizio, di due operatori per ogni turno di lavoro (oggi vi è un solo operatore, fatto che ha dato origine alle note problematiche di scarsa sicurezza più volte denunciate dal sindacato).

L’Esecutivo, continua così a tergiversare, rimandando ulteriormente la soluzione del problema ad un altro incontro tra le Federazioni del Pubblico Impiego e la delegazione di Governo, nell’ambito della riorganizzazione della PA, senza tenere assolutamente conto delle esigenze e della funzionalità del servizio.

Il prossimo 15 marzo, le Federazioni del Pubblico Impiego intendono porre nuovamente la questione nell’ambito dell’incontro con la delegazione di Governo riguardante la sottoscrizione del pre-accordo sul decreto del contratto privatistico.

Dopo l’incontro del 15 marzo, saranno convocate le infermiere che operano nel servizio di terapia semintensiva, per decidere le iniziative più opportune, già preannunciate, per mettere fine ad una grave situazione di insicurezza divenuta da tempo intollerabile.

 
(Visited 2 times, 1 visits today)