1. Home
  2. CDLS
  3. News
  4. Archivio News
  5. Sulla frontalieri-tax il sindacato non molla

Sulla frontalieri-tax il sindacato non molla

1
0
Ennesimo incontro con i candidati alle elezioni europee. A Rimini faccia a faccia con il DS Mauro Zani. Assemblea generale il 16 giugno.

San Marino, 9 giugno 2004

Continua l’azione sindacale contro la frontalieri-tax e l’opera di sensibilizzazione verso i candidati in lizza per le elezioni europee. Convocata per mercoledì 16 giungo l’assemblea generale dei lavoratori italiani occupati sul Titano.

Una delegazione della CSU e del Comitato Frontalieri ha incontrato oggi, mercoledì 9 giugno a Rimini, l’esponente dei DS Mauro Zani, Parlamentare italiano candidato al parlamento europeo.
All’incontro erano presenti il vice segretrario CDLS, Luca Montanari, e il segretario della Federazione Industria della CDLS, Giorgio Felici. Il Comitato Frontalieri ha in primo luogo messo l’accento sulla gravità della situazione fiscale che grava sui lavoratori non residenti, sottolineando nuovamente la disparità di trattamento e l’ingiusta penalizzazione che – anche sul piano economico – si è venuta a creare con la doppia imposizione.

Le principali richieste rivoltegli, sono di continuare a sensibilizzare lo schieramento politico di cui fa parte, sulla necessità di dare piena attuazione – a partire dalla sua ratifica – alla convenzione tra San Marino e Italia del 2002, che prevede l’emanazione di una legge ordinaria del Parlamento italiano che superi definitivamente la norma contenuta nell’attuale finanziaria, e che impone la doppia tassazione. Analogo impegno è stato richiesto sul piano dei diritti normativi.

Da parte sua, l’On.le Mauro Zani, nell’ascoltare con attenzione e interesse le richieste formulate, ha comunicato il proprio impegno principalmente sul versante dei diritti normativi, nell’ambito della sua eventuale elezione al Parlamento Europeo.

In questa ipotesi, si è impegnato a sollecitare la piena attuazione degli impegni previsti nell’accordo San Marino e Unione Europea del 1993, che stabiliscono la parità di trattamento economico e normativo tra lavoratori a prescindere dalla residenza.

 
(Visited 1 times, 1 visits today)