1. Home
  2. CDLS
  3. News
  4. Archivio News
  5. Sciopero generale docet

Sciopero generale docet

1
0

Riparte mercoledì 13 aprile il confronto sulla riforma del mercato del lavoro. Sul tavolo migliaia di no alla precarietà.

San Marino, 12 aprile 2005

Governo e sindacati tornano a discutere di riforma del mercato del lavoro. L’incontro è in agenda per il pomeriggio di mercoledì 13 aprile a Palazzo Mercuri. Per la CSU si riparte dallo sciopero generale del 16 marzo, quando migliaia di lavoratori hanno detto no alla precarietà.

Nel frattempo, anche i numeri danno ragione al sindacato, che da tempo chiede una politica del lavoro equilibrata alla realtà sammarinese. E non riforme-fotocopia.
“A San Marino – ha più volte rimarcato il vice segretario CDLS Luca Montanari– non c’è disoccupazione strutturale, anzi la crescita occupazionale così come quella delle imprese non si è mai arrestata. Mentre l’Associazione Industriali ha dettato le proprie condizioni al governo, chiedendo un provvedimento legislativo sulla stessa linea di quello italiano. In pratica: una fotocopia della Legge Biagi. In sostanza: un errore grossolano. Per il semplice motivo che la realtà italiana non è parificabile a quella sammarinese”

La conferma arriva dal decimo dossier statistico curato dall’Ufficio Studi della CDLS che segnala una rimonta sul fronte occupazionale: nei 12 mesi del 2004 i posti di lavoro sono aumentati del 4%.

E quanto a flessibilità, non siamo secondi a nessuno. La percentuale dei neoassunti a tempo determinato supera il 50%. Questo per effetto del frontalierato e della progressiva tendenza ad assumere con contratti a tempo anche i sammarinesi, nel 2004 il rapporto dell’Ufficio Studi sindacale rileva infatti che i precari residenti sono aumentati del 14%.

Cifre che spiegano la straordinaria partecipazione allo sciopero generale di marzo e che impongono un cambiamento di rotta al governo.

(Visited 1 times, 1 visits today)