1. Home
  2. CDLS
  3. News
  4. Archivio News
  5. Pianeta occupazione: i dati della CDLS

Pianeta occupazione: i dati della CDLS

2
0
Alcune anticipazioni del dossier statistico sul mondo imprenditoriale. Alta concentrazione occupazionale in poche imprese e calo della società con zero dipendenti.

San Marino, 11 agosto 2004

E’ in dirittura d’arrivo l’edizione numero nove del “Rapporto sull’occupazione nella Repubblica di San Marino”, curato dall’Ufficio Studi della CDLS. L’edizione sarà presentata entro la fine di agosto.

Nel frattempo, anticipiamo alcuni dati relativi alle imprese, anche alla luce della recente allarme lanciato dal segretario industria CDLS, Giorgio Felici, sulla necessità di siglare un patto per lo sviluppo al fine di rilanciare gli investimenti nel settore industriale e difendere l’occupazione. Tutto il comparto industriale, ha ricordato infatti Felici, poggia su uno storico gruppo di imprese, che occupano la maggior parte dei dipendenti del settore.

“Si evidenzia che – si legge infatti nell’ultimo Rapporto della CDLS – nel settore manifattura 129 imprese occupano 4.731 addetti, che corrispondono a circa l’80% del totale. Le rimanenti 355 aziende occupano i restanti 1.329 addetti, con una densità media di 3.7 dipendenti per impresa”.

Lo stesso ragionamento negli altri settori ha rilevato che “nell’edilizia solamente 19 imprese su un totale di 151 impiegano quasi il 50% della manodopera. Nei trasporti e comunicazioni – prosegue il dossier statistico – il 13% delle imprese occupa il 53% dei dipendenti, mentre nel settore del credito in sole 11 aziende sulle 54 totali, lavorano il 76% degli addetti. Nel settore dei servizi 20 imprese su 872 che hanno almeno un dipendente occupano il 26% degli addetti totali; i restanti 1.568 sono distribuiti in 852 aziende con una densità di 1.8 addetti per impresa”.

Un’altra anticipazione del 9° Rapporto redatto dall’Ufficio Studi della CDLS rimarca l’inversione di tendenza relativa al noto fenomeno delle società a responsabilità limitata senza alcun dipendente: “Le S.r.l. operative, ma prive di occupati, nel corso del 2002 avevano sfiorato quota 50%, nel 2003 invece la percentuale per la prima volta è scesa, attestandosi al 46.5%. Da anni la Federazione Industria della CDLS aveva segnalato e stigmatizzato questa anomalia, finalmente la Segreteria di Stato al Lavoro, allora guidata dal Segretario Giancarlo Venturini, è intervenuta presso le società interessate, pretendendo, almeno in parte, il rispetto degli impegni occupazionali sottoscritti all’avvio dell’attività. E’ ora importante che questa linea non venga abbandonata e quindi che il rispetto delle regole sia una costante e non un’eccezione”.

 
(Visited 2 times, 1 visits today)