1. Home
  2. San Marino News
  3. Pensioni: riprende il confronto

Pensioni: riprende il confronto

7
0

anzianiDopo tre mesi di sospensione, causa pandemia, il confronto sulle pensioni con sindacati e categorie è ripreso giovedì scorso. La riforma, tanto attesa quanto necessaria, verrà avviata all’iter consiliare entro giugno. Questo, almeno, nelle intenzioni della Segreteria Sanità, che vuole far decorrere l’applicazione della legge dal primo gennaio 2023. Per le parti sociali, però, non è stato sciolto il nodo principale: affrontare la previdenza insieme alle altre riforme strutturali. Esigenza ribadita da USL, che in un comunicato chiede al Governo di prendere in considerazione anche il caro bollette, aumento dei generi di prima necessità ed inflazione. Sulla necessità di procedere pari passo con le riforme del lavoro e tributaria, insiste anche Enzo Merlini. “Non si può andare avanti un pezzo alla volta”, manda a dire il Segretario della Csdl, che guarda all’intervento dello Stato nei fondi pensione.

 “Non c’è riforma previdenziale – avverte – in grado di colmare la progressione del disavanzo tra entrate ed uscite. Dato che non si può pensare di attingere ai fondi fino a quando non saranno esauriti, occorre programmare l’intervento pubblico, altrimenti non parliamo di niente”. Si aspetta quindi la presenza del Segretario alle Finanze in cabina di regia. Sulla volontà di portare la legge previdenziale in Consiglio entro giugno, “in quattro mesi si fanno tante cose” – commenta – “ma se qualcuno dà il gas e qualcun altro frena, gli obiettivi si allontanano”. Il Segretario della Cdls Gianluca Montanari dubita che il testo sarà pronto a giugno, definendo la previsione troppo ottimistica. “I tempi non saranno brevi”, afferma, ed invita la politica a non avere fretta: “Più saggio procedere con calma, senza porsi scadenze troppo ravvicinate”. Giovedì, intanto, è stato fissato un nuovo incontro, per entrare nel cuore dell’articolato.

San Marino RTV

(Visited 7 times, 1 visits today)