1. Home
  2. CDLS
  3. Federazioni
  4. Mozione conclusiva 5° Congresso FNPS

Mozione conclusiva 5° Congresso FNPS

3
0

Il 5° Congresso della FNPS-CDLS, che si è svolto il 19 marzo 2009, presso l’Hotel San Giuseppe di Valdragone, dopo aver sentito la relazione del Segretario uscente Marino Casadei, la fa propria. Il Congresso ha inoltre apprezzato il qualificato contributo dei delegati intervenuti, i quali hanno formulato valutazioni, proposte e indicati precisi impegni programmatici. Il Congresso quindi:

ESPRIME
 
Piena solidarietà a tutti i lavoratori in mobilità ed in cassa integrazione che rappresentano uno dei più rilevanti costi sociali conseguenti alla grave recessione economica internazionale in corso.

AUSPICA
 
Una positiva e rapida soluzione di tutte le vertenze contrattuali aperte che interessano oltre 10.000 lavoratori di varie categorie.

RITIENE INDISPENSABILE
 
Dare concreta attuazione ai principi contenuti nella “Carta dei Diritti delle persone anziane”, approvata nel Gennaio del 2008, emanando tutti i provvedimenti legislativi necessari.

RITIENE URGENTE
 
L’approvazione di provvedimenti “anticrisi” che contrastino efficacemente i negativi effetti recessivi, soprattutto riguardo alle categorie più deboli quali: giovani coppie, famiglie monoreddito e pensionati.

PROPONE
 
Interventi specifici nel settore socio-sanitario ed assistenziale per dare risposte più efficienti e capillari ai bisogni della popolazione anziana. Nello specifico è ormai indifferibile un intervento di potenziamento delle strutture sanitarie di base dislocate sul territorio, che sono punto di riferimento insostituibile per tanti pensionati.

PROPONE INOLTRE
 
Di aprire un costruttivo confronto sul tipo di gestione che si intende adottare per la nuova struttura per anziani “Casale La Fiorina”, con un coinvolgimento attivo dei pensionati nelle attività di controllo e verifica.

DENUNCIA
 
Il progressivo calo di attenzione riguardo al fenomeno della solitudine nella terza età, che comporta una inevitabile perdita della qualità della vita nell’anziano sino a sfociare in vere e proprie patologie, così come evidenziato in più occasioni dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.


INDIVIDUA
 
Il permanere degli anziani nell’ambito del proprio nucleo familiare, quale soluzione primaria alle problematiche di solitudine e delle patologie conseguenti. A tal fine dovranno essere introdotti strumenti normativi per consentire l’utilizzo da parte dei familiari lavoratori dipendenti di permessi specifici e l’accesso a forme di part-time. Inoltre dovrà essere incentivata l’assistenza domiciliare territoriale. Dovranno essere, infine, trovate soluzioni di supporto alle famiglie che ricorrono all’ausilio delle cosiddette “badanti”.

SOTTOLINEA
 
Che tutte le forme di assistenza presso le famiglie, oltre a migliorare la qualità dell’esistenza delle persone anziane, comportano un rilevante risparmio di risorse economiche per lo Stato.

SOLLECITA
 
L’urgente adeguamento economico dell’Assegno di Accompagnamento, che è ormai insufficiente a garantire l’autosufficienza di molti anziani. Inoltre dovranno essere apportati i necessari correttivi di Legge per consentire alla maggioranza degli anziani di accedere a questo aiuto economico.

EVIDENZIA
 
La necessità di intervenire con specifici interventi di natura fiscale, anche mediante detrazioni mirate, con l’obiettivo di restituire potere di acquisto ai pensionati. Dovrà essere prevista la possibilità – già presente per altre categorie economiche – di accedere ad aliquote agevolate per l’acquisto di autoveicoli ad uso personale dell’anziano.

EVIDENZIA INOLTRE
 
L’esigenza di rivedere il prontuario dei farmaci a pagamento, reintegrando alcuni dei farmaci esclusi e riducendo contestualmente il costo a carico degli anziani. Ritiene inoltre indifferibile intervenire in aiuto degli anziani che sono costretti a dotarsi di protesi dentarie, ausili ottici ed acustici, protesi motorie e, più in generale, di tutti i mezzi necessari per affrontare le disabilità di cui soffrono.

AUSPICA
 
Che le varie iniziative a favore dei pensionati siano portate avanti a livello unitario, nell’ottica del raggiungimento di sempre più concreti e positivi risultati a favore di tutta la popolazione anziana.

SOTTOLINEA
 
Il continuo e costante impegno della Segreteria e del Direttivo per promuovere ed aiutare il volontariato e l’impegno sociale. Rimarca l’alto valore etico e sociale conseguente al sostegno dei progetti di solidarietà e, in particolare, di quelli portati avanti dalla Fondazione Solidarietà della CDLS.


IMPEGNANO
 
Il Direttivo a perseguire con costanza e determinazione tutte le possibili iniziative di carattere sociale e politico, utili a conseguire il continuo e costante miglioramento della condizione socio-economica dei pensionati e, più in generale, di tutta la popolazione anziana.

Domagnano, 19 marzo 2009

 

(Visited 3 times, 1 visits today)