CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

riminiUna folla commossa martedì pomeriggio nella chiesa di san Giovanni Battista ha dato l'ultimo saluto al presidente del Rimini Baseball Rino Zangheri. Lo storico presidente dei Pirati aveva 86 anni. Sotto la sua guida - durata 45 anni dal 1973 al 2017 – il club neroarancione ha conquistato 13 scudetti, tre Coppe dei Campioni, una coppa Ceb e quattro Coppe Italia. Presenti tra gli altri, tanti giocatori del passato e dirigenti tra cui Ceccaroli, Romano, Cabalisti, Uberti, Orrizzi, Baldacci, Tassinari, Evangelisti, Crociati, De Sanctis. E ancora: l'attore Fabio De Luigi, in gioventù giocatore del club neroarancione, Schianchi, Carelli, il presidente federale Marcon coi vice, il sindaco Gnassi con la fascia tricolore e l'assessore allo sport Brasini. Ricordiamo che il Comune consegnò a Zangheri nel 2000 il Sigismondo d’Oro, la maggiore onorificenza di Rimini.

Al termine della cerimonia ha tratteggiato un ricordo del patron un dipendente dell'azienda di legnami: Zangheri era un imprenditore generoso, capace di grandi slanci, tenace, determinato, talvolta burbero ma sempre rispettoso del prossimo e leale. Per lavoro spesso era in Africa e lì aveva contribuito a far sorgere una struttura gestita dalle suore delle figlie di Nostra Signora della Misericordia a Savona: una di queste ha portato la sua testimonianza. E' stata poi la volta di uno dei nipoti che emozionato ha raccontato aneddoti di vita quotidiana.

Al termine della cerimonia funebre, il corteo funebre ha fatto tappa allo stadio dei Pirati. La bara è stata posta sul monte di lancio, fra corone di fiori coi coloir sociali del club. Hanno preso la parola Ceccaroli, dirigenti e dei tifosi oltre al presidente federale Marcon. Attorni i giovani delle squadre del vivaio con in mano palloncini nero arancioni fatti volare in cielo sulle note della canzone We are the Champions.

altarimini

facebook_page_plugin