CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

rimini mareDa gennaio a luglio i turisti arrivati in provincia di Rimini sono stati 2.251.787 e le presenze 9.235.348. Rispetto ai primi sette mesi del 2017 si registra quindi una crescita dell’1,5% dei primi e dell’1,8% delle seconde. Si tratta dei numeri forniti dall’Ufficio Statistica regionale in base alle comunicazioni delle strutture ricettive e utilizzati dall’Istat. Quelli elaborati invece da Trademark per Unioncamere davano sull’intero litorale arrivi in aumento del 2,2 e presenze dell’1,9.
Tornando ai movimenti dei primi sette mesi, si registra in provincia un aumento di arrivi e presenze estere del 2% (rispettivamente 463.784 e 2.272.618) con i primi che rappresentano il 20,5% del totale e le seconde il 24,6%. Qualche difficoltà, legata al meteo, si è registrata nel mese di luglio.

I dati dei comuni costieri Guardando i singoli comuni costieri, è Rimini a tirare il gruppo ma è Riccione la località che cresce di più. Da gennaio a luglio nella Perla Verde sono arrivati 555.157 turisti (+4,2) che hanno totalizzato 2.131.398 presenze (+4,7%). Molto positiva la performance dall’estero con il + 9,6% di arrivi e il + 8% di presenze. Guardando solo luglio, Riccione mantiene stabili gli arrivi (-0,1%) e vede comunque crescere del 2,7% i pernottamenti. Dato che si traduce in una permanenza più lunga, trainata in particolare dai turisti stranieri.

Segni positivi nei primi sette mesi anche per il capoluogo. Rimini vede arrivare 1.105.263 persone (+1,4%) per un totale di 4.218.062 presenze (+1,4%). A differenza di Riccione, crescono di più i turisti italiani di quelli stranieri (+0,9 le presenze estere). Anche Rimini ha luglio ha registrato un lieve calo di arrivi (-1%) a fronte di un +0,6 delle presenze.


Un 2018 finora positivo per Cattolica che da gennaio a luglio ha visto gli arrivi crescere del 2,4% (215.457) e i pernottamenti del 2,1 (1.059.052). Bene il turismo estero (+7,2% gli arrivi e + 3,8 le presenze). Anche per La Regina qualche difficoltà a luglio negli arrivi (- 3,9%) ma con una sostanziale tenuta delle presenze (+0,3).


La vicina Misano segna invece il passo in termini di arrivi, in calo dell’1,2% nei primi sette mesi (93.023), ma le presenze comunque aumentano dell’1,1% (479.473). Grazie anche ad un luglio che in termini di pernottamenti ha visto una crescita del 4,1% nonostante gli arrivi in calo. Buona la performance dall’estero.
Note dolenti invece per Bellaria Igea Marina che arretra rispetto al 2017 sia negli arrivi che nelle presenze: – 3,8% i primi (241.960) e – 1,7% le seconde (1.255.089). A calare nei primi sette mesi sia i turisti italiani che quelli stranieri. I dati di luglio evidenziano un – 4,2% di arrivi e un – 1% di presenze.
Fondamentale per capire l’andamento della stagione sarà però, per tutte le località, il mese di agosto.

newsrimini

facebook_page_plugin