CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

cocorico chiudeSi sono concluse le indagini sui guadagni della escort riccionese finita nel fisco per i guadagni raccolti tra il 2010 e il 2014. Secondo quanto riportato dalla stampa locale questa mattina, la escort di origini ungheresi ma residente a Riccione, in quegli anni avrebbe guadagnato qualcosa come 5 milioni di euro, senza dichiarare nulla.

L’indagine ha coinvolto anche un amico bancario della prostituta, un 47enne riccionese residente a San Marino, che l’avrebbe aiutata a trasferire i soldi dal Titano a Montecarlo e poi a Dubai.

Per lui però l’accusa ha chiesto l’archiviazione in quanto, nel periodo in cui si sono svolti i fatti, la Repubblica di San Marino era ancora inserita nella Black list e gli istituti non erano quindi tenuti ad applicare stringenti controlli antiriciclaggio. L’avviso di fine indagini e del preludio della richiesta di rinvio a giudizio è stato ora notificato all’indagata e al suo legale, ma della donna si sono ormai perse le tracce.

newsrimini

facebook_page_plugin