1. Home
  2. CDLS
  3. News
  4. News 2022
  5. IL GIORNO DELLA MEMORIA CI OBBLIGA A FARE I CONTI CON LA REALTA’

IL GIORNO DELLA MEMORIA CI OBBLIGA A FARE I CONTI CON LA REALTA’

1
0

lavoro nero 2San Marino 27 gennaio 2022.. “L’Olocausto è una pagina del libro dell’Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria”. È con questa frase di Primo Levi che il segretario generale della CDLS, Gianluca Montanari, sottolinea l’importanza di non dimenticare gli orrori del nazi-fascismo. “La Giornata della Memoria non è soltanto occasione simbolica per rievocare il passato e lo sterminio razziale di 6 milioni di ebrei, ma un’opportunità per rileggere anche il nostro presente. Primo Levi lo ha detto con parole chiare: ‘l’Olocausto è una pagina del libro dell’Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria’.

“Ricordare le cause e le conseguenze della Shoah – prosegue Montanari -non è dunque un semplice esercizio commemorativo, ma un atto di civiltà sempre attuale. Non dimenticare gli orrori del nazi-fascismo ci obbliga  fare i conti con il presente, ci obbliga a non essere indifferenti difronte agli orrori e alle discriminazioni dei nostri giorni: ai profughi morti di freddo sulla rotta dei Balcani; alla faccia brutale di una globalizzazione che genera diseguaglianze e povertà; alle minacce di una nuova guerra nel cuore dell’Europa”.

“In momenti incerti come quelli che stiamo vivendo – conclude il segretario CDLS – coltivare il dovere della memoria per il sindacato significa affermare il valore della cooperazione e dell’integrazione contro i fili spinati dei nuovi nazionalismi, significa impegnarsi a difendere la democrazia contro la tentazione dell’uomo forte, significa non stancarsi mai di trasmettere ai nostri giovani i valori della libertà, della tolleranza e dell’uguaglianza

 

 

(Visited 1 times, 1 visits today)