1. Home
  2. CDLS
  3. News
  4. Archivio News
  5. Giuliana, a presto

Giuliana, a presto

1
0

In migliaia alla manifestazione romana per la liberazione degli ostaggi in Iraq.
In piazza anche le confederazioini sindacali.

San Marino, 19 febbraio 2005

Una grande marcia di speranza e solidarietà umana. Almeno 200 mila persone hanno partecipato sabato 19 febbario a Roma alla manifestazione “liberiamo la pace” per chiedere la liberazione delle giornaliste Giuliana Sgrena e Florence Aubenas, rapite in Iraq.

Nessuno slogan ma moltissimi applausi, indirizzati soprattutto ai familiari di Giuliana Sgrena che hanno retto lo striscione di apertura del corteo.

Tante le bandiere colorate della pace insieme alle foto dei giornalisti rapiti in Iraq.

Alla manifestazione hanno partecipato anche i sindacati confederali e di base, le organizzazioni cattoliche, i centri sociali, i comuni, la Federazione Nazionale della stampa e molte forze politche.
“Abbiamo aderito – spiega il segretario generale Cisl, Savino Pezzotta – perche’ quando e’ in gioco la vita di una persona la Cisl non si tira indietro da qualsiasi iniziativa utile a salvare quella vita. Questo atteggiamento fa parte da sempre del nostro modo di essere. I fatti sono chiari: li’ in Iraq siamo andati, con una guerra sbagliata. L’abbiamo detto. Adesso, pero’, bisogna capire come se ne esce, quale puo’ essere il ruolo dell’Onu. Le donne alle urne hanno cambiato lo scenario e non possono essere abbandonate a se stesse. Non ci sono scorciatoie, per aiutatre la liberazione di Giuliana Sgrena e delle altre persone rapite in Iraq, la strada maestra è quella della costruzione di una cultura di pace”.

(Visited 1 times, 1 visits today)