1. Home
  2. CDLS
  3. News
  4. News 2023
  5. CONGEDO SPECIALE RETRIBUITO: BASTA DISCRIMINAZIONI TRA RESIDENTI E FRONTALIERI

CONGEDO SPECIALE RETRIBUITO: BASTA DISCRIMINAZIONI TRA RESIDENTI E FRONTALIERI

53
0

San Marino 9 maggio 2023Non è arrivata ancora nessuna risposta alle ripetute richieste della CSU di modificare l’articolo 28 della legge 129/22 “Interventi a sostegno della famiglia”, ovvero la norma sul congedo speciale retribuito, che viene riconosciuto solo ai lavoratori residenti nel territorio sammarinese, mentre ne sono del tutto esclusi i frontalieri e i sammarinesi residenti fuori territorio che lavorano a San Marino.

 Il congedo speciale retribuito è un intervento per i genitori di figli ai quali nei primi diciotto anni di vita insorge una gravissima patologia, permanente o temporanea, che richiede una assistenza continuativa. Tale intervento è riconosciuto altresì nell’ipotesi in cui il figlio, anche con età superiore ai diciotto anni, sia stato colpito da una gravissima disabilità.

 Per la CSU l’esclusione da questo diritto fondamentale dei lavoratori non residenti, peraltro per una circostanza particolarmente dolorosa come la grave malattia di un figlio, rappresenta una inaccettabile discriminazione; pertanto, chiede nuovamente al Governo che tali congedi parentali siano riconosciuti a tutti i genitori lavoratori che ne hanno necessità, a prescindere dalla località di residenza.

Nelle diverse lettere inviate al Segretario di Stato alla Giustizia e all’intero Congresso di Stato, di cui l’ultima il 18 aprile scorso, la CSU ha ricordato, tra le altre cose, che nella seduta del Consiglio Grande e Generale del 16 maggio 2019 – grazie anche ad un esponente dell’allora opposizione che oggi fa parte della maggioranza – era stato approvato un emendamento allo specifico Decreto in materia in cui si provvedeva ad eliminare il requisito della residenza in territorio per ottenere tale congedo parentale, superando quindi la disparità di trattamento tra frontalieri e lavoratori residenti sammarinesi.

 Oltre a ciò, va anche ricordato che nelle prime stesure del Testo Unico in materia di interventi a sostegno della famiglia tale requisito non era presente; è stato aggiunto nelle bozze successive dalla Segreteria di Stato competente, quindi senza concordarlo con le organizzazioni sindacali e senza nemmeno evidenziarlo tra le modifiche apportate.

La CSU sollecita dunque il Segretario di Stato Ugolini e il Congresso di Stato a mettere fine in tempi molto brevi a questa assurda e inconcepibile discriminazione, attraverso un apposito provvedimento che vada a modificare l’articolo 28 della legge 129/22.

Centrale Sindacale Unitaria

(Visited 53 times, 1 visits today)