1. Home
  2. CDLS
  3. News
  4. News 2022
  5. ACCONTI IN BUSTA PAGA PER SALARIATI AASLP E DIPENDENTI PA

ACCONTI IN BUSTA PAGA PER SALARIATI AASLP E DIPENDENTI PA

0

San Marino, 12 dicembre 2022. Nella giornata del 5 dicembre sono stati firmati dalle Federazioni Servizi e Pubblico Impiego delle tre sigle sindacali CSdL, CDLS e USL, due accordi con il Congresso di Stato che prevedono un anticipo sul futuro rinnovo dei contratti di lavoro rispettivamente dei salariati dell’AASLP e dei dipendenti pubblici; contratti scaduti da oltre 10 anni.  L’accordo per i salariati prevede la corresponsione di un aumento a titolo di acconto dell’1,5% a partire da gennaio 2022 e il riconoscimento del sesto scatto, a partire da luglio 2022, ai dipendenti che l’hanno maturato.

La firma dell’accordo è giunta dopo un’assemblea con i lavoratori salariati che si sono espressi favorevolmente a larghissima maggioranza. La mobilitazione costante dei salariati, culminata nello sciopero con manifestazione sul Pianello e davanti alla Segreteria al Territorio, ha permesso il raggiungimento di questo risultato, e ha contribuito a creare le premesse per definire l’accordo anche per la PA. Ciò, ad ulteriore prova che la partecipazione dei lavoratori resta determinante. Le Federazioni del Pubblico Impiego a loro volta hanno firmato un accordo per tutti i dipendenti della Pubblica Amministrazione che contempla un acconto pari all’1,5% di aumento in busta paga a partire da gennaio 2022.

Il contenuto dell’accordo è stato discusso, valutato e approvato nella riunione congiunta dei Direttivi delle tre Federazioni del Pubblico Impiego, che si è tenuta venerdì 2 dicembre. Per i Segretari delle Federazioni Servizi e Pubblico Impiego si tratta di un buon punto d’incontro che permette finalmente di muovere le buste paghe dei salariati dell’AASLP e dei dipendenti della PA dopo un periodo di fermo lunghissimo.

Si tratta comunque di traguardi solo parziali: l’obiettivo principale è quello di realizzare i rinnovi contrattuali, in cui – oltre ad una parte normativa aggiornata – vengano riconosciuti ulteriori aumenti economici, tesi a tutelare le retribuzioni dal carovita.

L’impegno di Governo e sindacati è di sottoscrivere i nuovi testi unici contrattuali entro giugno 2023. L’acconto riconosciuto con questi accordi è solo una prima tappa, per potere successivamente definire, alla chiusura dei rispettivi contratti, aumenti economici ben più sostanziosi e in linea con l’attuale periodo.

Federazioni Pubblico Impiego / Federazioni Servizi CSdL – CDLS – USL