CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

borsa finanzaIl Fmi ritocca leggermente al rialzo la crescita dell'Italia. Dopo il +0,9% del 2016, il pil e' previsto crescere dello 0,8% nel 2017, ovvero 0,1 punti percentuali in piu' rispetto alle stime di gennaio. Invariata sempre a +0,8% la previsione per il 2018.

CRESCITA SOTTO IL POTENZIALE Nel rapporto l'Fmi afferma come ''l'output dell'Italia resta decisamente al di sotto del potenziale'', cosi' come quello di altri paesi europei. Le stime del Fmi sono piu' basse di quelle contenute nel Def, dove viene stimato un pil in crescita dell'1,1% nel 2017 e dell'1,0% il prossimo anno.

Il debito pubblico italiano resta sopra il 130% ma migliora. Dopo al 132,6% del 2016, il Fmi lo prevede al 132,8% del pil nel 2017 e al 131,6% nel 2018, in deciso calo rispetto alle stime di ottobre, quando aveva previsto un debito al 133,4% per quest'anno e al 132% nel 2018.

ansa

facebook_page_plugin